IN CUCINA CON TE’

IN CUCINA CON TE’
Marina Catuogno

IN CUCINA CON TE’ _______________________
Tutto sulla bevanda più diffusa al mondo
Prezzo 9,00 Descrizione

Il tè sorso dopo sorso ti scuote, ti invita alla concentrazione, alla lucidità talvolta al ricordo.. Ricco di storia e di leggende, il suo commercio ha mosso carovane e popoli, è stato e viene citato in letteratura e cinema, grandi personalità del passato e del presente lo bevono. Non è solamente un’affascinante bevanda ma anche un sofisticato ingrediente in cucina per salato o dolce e anche cocktail. In questo libro troverete una raccolta di ricette di fantasiosi chef e barman, curiosità sul mondo del tè e anche un divertente gioco “dimmi che tè bevi e ti dirò chi sei” dove tratti della personalità 
verranno abbinati alla tipologia di tè preferito. 
Scopri anche tu come la tua tazza parla di tè.

Primo capitolo

INTRODUZIONE

Prima di descrivere la storia e le tipologie di questa magnifica bevanda vorrei raccontare come vivo il tè. È un sapore antichissimo che porta con sé tradizioni e storia, il suo commercio ha mosso carovane e popoli, è stato e viene citato nella letteratura e nel cinema; grandi personalità del passato e del presente lo bevono. 
Il tè è un vero e proprio stile di vita, è l’arte del ricevere e della convivialità, e nello stesso tempo è un momento magico di meditazione o di cura della propria anima.

“L’amicizia e l’amore non si chiedono come l’acqua, ma si offrono come il tè.” (Detto Zen)

Sia la preparazione, sia la degustazione della tazza richiedono tempo; è tempo che una persona decide di spendere o per se stessa o per la persona a cui la offre. Quando si regala tè si donano un momento di pace e un augurio per dedicarsi attenzione, in questo mondo che corre senza sosta. Insegna la pazienza e il piacere dell’attesa.
Una tazza di tè fa bene al corpo per le sue note proprietà benefiche, fa bene all’anima perché rilassa e dona lucidità e saggezza, fa bene ai nostri sensi; “fa bene” al gusto perché è buono, ed è quindi un piacere, agli occhi, perché le infusioni dalle più variopinte colorazioni gratificano anche questo senso; infine, fa bene all’olfatto – senso apparentemente dimenticato ma che governa la nostra vita in modo a noi inconsapevole. È per queste ragioni che il la degustazione di tè rappresenta una vera e propria esperienza sensoriale e meditativa. 
Parlerò di storia e tradizione e del fascino racchiuso in una tazza, ma vorrei portare in superficie anche il lato moderno e cool che può avere questa bevanda. Mi rivolgo, quindi, anche ai giovani lettori: il tè non è così retrò come può sembrare, anzi: può essere utilizzato anche in cucina, come ingrediente sofisticato ed esotico sia per dolci che per pietanze, oppure essere impiegato per preparare drink e cocktail. Il tè è infatti materia di studio di tanti barman o barmaid sperimentali che studiano con passione la disciplina fantasiosa della mixology. In quest’era di talent show mi sono anche appassionata alla sfida TeaMasterCup (terza edizione italiana) organizzato dall’associazione Protea, nella quale dieci ragazzi provenienti da tutta Italia (il più giovane è diciottenne) si sono sfidati nella creazione di cocktail a base tè davanti ad una giuria di esperti in materia di mixology e di teasomelier. Quest’anno la categoria di sfida è stata la teamixology mentre l’anno scorso la categoria sono stati il teatasting e l’abbinamento cibo e tè. Questo interessante match ha come obiettivi la diffusione della cultura del tè, la promozione e lo scambio di idee, lo sviluppo professionale legato a questa bevanda e anche aumentare il prestigio di una carriera legata a questo settore. Sono queste stesse ragioni che ora mi spingono alla scrittura.

Personalmente sono un’appassionata del tè in tutte le sue sfumature e ho nel tempo istruito sia la mente sia il palato per conoscere sempre più in profondità questa pianta e le sue caratteristiche. La tazza di tè da bere durante il giorno non è una scelta da fare con leggerezza, una tazza di tè sbagliata, che non corrisponde alle mie esigenze del momento o fatta male, con velocità e noncuranza, mi può cambiare completamente la giornata. Un po’ come accade con le spezie: puoi ottenere effetti diversi a seconda della tipologia di tè che scegli. Trovo che ci sia in questa pianta qualcosa di quasi alchemico e magico. Ricordo piacevolmente un film greco “ un tocco di zenzero” del 2003 diretto da Tassos Boulmetis che evidenziava la magia racchiusa nelle spezie e nella cucina tradizionale greca. Io faccio lo stesso con il tè: trovo il tè giusto per qualsiasi malanno o qualsiasi stato d’animo. Se sono triste, se sono desiderosa di dolci, se ho voglia di purificazione, se ho bisogno di un tonico ecc. Oppure mi capita anche di proporre e abbinare il tè alla persona che me lo chiede in quel momento cercando di intuire cosa sta cercando o di cosa ha bisogno. Si prendono decisioni importanti davanti una tazza di tè, si studiano cose che richiedono concentrazione, si aprono le anime e si fanno confidenze attorno a una calda e fumante teiera.
Una volta una signora nel mio negozio di tè mi chiese seria seria “ lei ha mai sedotto con il tè?” Su due piedi mi fece un po’ sorridere ma, riflettendoci bene, è vero che attraverso il tè e il suo rito sensuale si ama e si seduce.
Era autunno quando questa incantevole signora entrò in negozio ed era lei stessa vestita interamente dei colori di questa stagione: pashmina arancione di seta cotta, casacca marrone morbida e pantalone della stessa tonalità; ricordo anche una collana appariscente di pietre dure, forse ambra, che le dava solennità e che indossava con disinvoltura. Anche la pettinatura aveva carattere: era mora con tanti capelli ormai bianchi che le incorniciavano un po’ il viso. Li portava sciolti, gonfi e un po’ selvaggi. Non davano la sensazione di essere molto addomesticabili, probabilmente come questa arzilla signora. Cercava del tè Golden Nepal, un tè da meditazione ricco di gemme apicali di colore dorato. Era molto esperta... Mentre cercavo il tè in magazzino lei letteralmente mi istruiva sulle proprietà benefiche del tè, compreso il sopracitato carattere afrodisiaco del rito del tè. Mi stimolava a trovare la mia tazza come se cercassi la mia vera identità. Il tono della voce era sereno e musicale; uscita dal magazzino col tè richiesto la signora era scomparsa. Andai alla porta, uscii per strada, guardai a destra poi a sinistra. Era completamente sparita... non la vidi più. Quel giorno tornai a casa e iniziai a scrivere questo libro sorseggiando tè.

 

Specifications

  • Anno pubblicazione::
    2018
  • ISBN:
    978-88-9347-053-7
  • Pagine:
    140
  • Formato:
    14x20
  • Editore: Edizioni del Loggione

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.