I BOSCHI DEL TEMPO

I BOSCHI DEL TEMPO
Cristina Orlandi

I BOSCHI DEL TEMPO _______________________
Prezzo 10,00 Descrizione

Riccardo, pittore di grande sensibilità e di notevole talento, vive in relativo isolamento, in un paese dell’Appennino bolognese. Immerso nel verde, tra i boschi a cui è molto legato, trascorre le sue giornate dipingendo. La scelta di vita di Riccardo risulta incomprensibile soprattutto a Margherita, la donna che lo ama da anni e vive in città. Sarà proprio il legame tra i territori dell’Appennino e Riccardo a far sì che quest’ultimo metta in discussione le proprie scelte. Ricordi storici, più o meno noti, emergeranno dai bosco, dando voce a personaggi del passato. Sarà rivedendo i percorsi di altre persone che Riccardo riuscirà a far luce sul proprio, facendo emergere un doloroso segreto che in parte ha costituito il motivo della sua decisione di vivere solo. Riuscirà Riccardo a mettere in discussione se stesso al punto da tentare di avvicinarsi di nuovo a Margherita? La storia d’amore tra Margherita e Riccardo si intreccia al ricordo degli eventi storici legati ai luoghi, apparentemente aspri e inospitali, ma in realtà ricchi di amore e disponibilità verso le persone.

Primo capitolo

Prefazione

Nel corso dei secoli, Sant’Ansano è stato un punto di riferimento per le comunità che hanno abitato Brento e il territorio circostante. Da più di settant’anni è un luogo abbandonato, e dell’antica chiesa restano solo ruderi che si possono vedere attraverso il bosco. Il poco che resta dell’antico luogo di culto continua, pur in questo stato, a esercitare una particolare attrazione su chi visita questo posto. Ancora non si conosce il reale motivo per cui questo particolare luogo risulti così affascinante, anche perché amare un luogo è un atto che spesso passa inosservato: nella vita di ogni giorno rivolgiamo il nostro amore di solito a persone, animali o a cose materiali. Dedicare il nostro pensiero a un luogo ci permette di entrare in connessione con esso, di prendercene cura, di studiarne la storia e di conoscere le vite di chi vi ha abitato. Celebrare i ricordi legati a un luogo permette inoltre di coinvolgervi altre persone.
Questa è stata la mia esperienza: da bambino facevo delle passeggiate a Sant’Ansano; diventato adulto, ho studiato con estremo interesse la storia di questo luogo e ho sempre desiderato, nell’impossibilità di riportarlo all’antico splendore, di renderlo fruibile.
Ho ben presente l’esempio di Don Dario Zanini, nativo di Rioveggio, grande amante del territorio e parroco di Sasso Marconi. Don Dario, amareggiato per lo stato in cui versava l’oratorio di Monte Venere, imprigionato da una rete da cantiere e vandalizzato da mani ignote, nel libro Monte Venere cento anni dopo, tra sacro e profano scrisse: “Possiamo sperare che dopo cent’anni la storia continui, o dobbiamo scrivere che la storia è finita?”. Si celebrava infatti la ricorrenza del centenario della costruzione dell’oratorio il quale, grazie al contributo di tante persone, è stato recuperato. La speranza è che anche per Sant’Ansano si compia lo stesso miracolo.


Ermanno - Manlio Pavesi
Vice sindaco e assessore alla cultura 
del Comune di Monzuno

Specifications

  • Anno pubblicazione::
    2018
  • ISBN:
    978-88-6810-330-9
  • Pagine:
    130
  • Formato:
    11x18
  • Editore: Damster edizioni

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.