Omicidio alla Cadè

Omicidio alla Cadè
Valter Frazzoli

Prezzo 20,00 Descrizione

Il romanzo è risultato vincitore di due Premi Letterari Nazionali:
Premio Garcia Lorca - 2009 - per la narrativa edita
Premio Aldo Cappelli - 2009 - per il romanzo storico


Modena, 1543. In una fredda notte di gennaio un efferato omicidio si consuma all'Ospedale della Cadè. Il chirurgo Alfonso Belmonte viene trovato cadavere, la gola orrendamente squarciata. Chi ha commesso questo atroce delitto? E perchè?
Da qui si dipana un'oscura vicenda dove l'intrigo, la vendetta, la prevaricazione, le passioni umane - diabolicamente orchestrate - muovono le azioni dei personaggi in un intreccio avvincente e dall'esito inaspettato.
Fin qui la trama. Che, sotto l'apparenza del giallo in costume o del romanzo storico, soddisfa pienamente le aspettative dei lettori dal punto di vista della suspense e dell'architettura del racconto. Ma la strategia narrativa di Valter Frazzoli è molto più sofisticata: il romanzo è costruito con una regia che si può definire "cinematografica", dove diverse storie parallele vengono narrate alternativamente, lasciate e poi riprese dal punto in cui sono state abbandonate, con repentini cambi di scena e di orientamento, pur mantenendo una lineare continuità nel racconto.
In tal modo i diversi piani narrativi si intersecano reciprocamente, delineando un vasto affresco dove le vicende nate dalla fantasia dell'autore si inseriscono in un quadro storico ben preciso e documentato, nel quale agiscono personaggi realmente esistiti che intrecciano la loro storia con quella dei personaggi immaginari del romanzo.

E infatti il vero protagonista del romanzo è il secolo, è il Cinquecento. Che emerge eloquente da ogni pagina, sia per la "cronicha" di Tommasino Lancellotti chiamata a scandire il ritmo del racconto, sia per i riferimenti alle vicende storiche, modenesi e non, che fanno da sfondo alla narrazione. Ma anche per lo spirito, il gusto, la mentalità, la logica nascosta di tutta una civiltà. E, non da ultimo, per il linguaggio - magistralmente utilizzato dall'autore - che è cavalleresco e altisonante, ornato e squisitamente formale; capace di rivelare e d'occultare allo stesso tempo.
Il Cinquecento è il secolo in cui convivono scienza e superstizione, Riforma e Inquisizione, aspirazioni libertarie e repressioni violente. Contrasti che vibrano nelle pagine del romanzo e che ritroviamo nei personaggi, mai tratteggiati nella fissità di un tipo, ma agenti sulla scena con la loro complessa e sfaccettata personalità.

Specifications

  • Anno pubblicazione::
    2010
  • ISBN:
    978-88-6509-062-6
  • Pagine:
    578
  • Formato:
    14x21 cm
  • Editore: Colombini Editore

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.